Menu
Vai ai contenuti

Fiat CR.32 (1934)

Mezzi Militari > Colorazioni / livree

Tutto modellismo
Fiat CR.32 (1934)
INSERISCI I TUOI ARTICOLI
Fiat CR.32 (1934)
Bookmark and Share
Italian version    02:08    14.04.2020
Con il CR.32, la linea di biplani da caccia creata da Celestino Rosatelli raggiunse il suo apice. I tralicci all'interno dell'aereo erano disposti secondo la forma delle travi Warren, che era diventata ormai un marchio di fabbrica dei caccia Rosatelli ed era stata usata per la prima volta dal ricognitore S.V.A. del 1917: essa fu mantenuta per il CR.32 che volò la prima volta il 28 aprile 1933. Fin dalla sua entrata in servizio nella Regia Aeronautica nell'estate del 1934, il CR.32 dimostrò subito ottime doti di agilità.

Esso offriva una straordinaria maneggevolezza, forniva una buona piattaforma alle due mitragliatrici 12,7 mm.- ed era eccezionalmente robusto, dimostrandosi un caccia molto affidabile quando raggiunse la Spagna nell'agosto 1936, come avanguardia dell'Aviación del Tercio, quale contributo italiano alla causa nazionalista. Per cinque anni il CR.32 sarebbe stato il principale caccia della Regia Aeronautica e ne sarebbero stati prodotti 1.211 fino al maggio 1939, 405 dei quali vennero inviati in Spagna. Ne furono costruite quattro versioni: il CR.32bis aveva un motore migliorato e armamento più pesante, mentre i CR.32ter e quater erano forniti di mirini e strumentazione migliorati, ma ripresentavano le armi originali.

 
(1)    CR.32 (M.M.2830) della 155 squadriglia, 3° Gruppo, 6° Stormo "Diavoli Rossi" a Campoformido, Udine, inizi del 1936.
(1a) Dettaglio della coda che mostra il tricolore nazionale sulla superficie orizzontale (in alto e in basso) e (1b) il simbolo "diavolo rosso".
(2)  CR.32 del XVI Gruppo "La cucaracha" dell'Aviación del Tercio italiana, 1937; questo aereo era pilotato dal sergente Tarantella.
(2a) "La cucaracha" simbolo del XVI Gruppo e vista dall'alto dello stesso CR.32. Notare la colorazione terracotta della superficie superiore con macchie color verde oliva.
(2b) Dettaglio delle superfici inferiori dell'ala.

(3) CR.32 del X Gruppo "Baleari" (101 Squadriglia), Spagna, 1937, con la combinazione frammentata a tre segmenti sulla superficie superiore.
(4) CR.32 (M.M.2856) dell'85 squadriglia, XVIII Gruppo, 3° Stormo, Bresso, Milano, primavera del 1936 e stemma dei Savoia, apposto di solito sulle strisce del timone e
(4a) emblema del XVIII Gruppo.
(5) CR.32ter della 360 squadriglia, 52° Stormo, Pontedera, Pisa, metà del 1939. Notare le finiture color verde oliva con macchie di un verde più scuro.
(6) CR.32quater (M.M.4666) della 160 squadriglia, 12° Gruppo, 50° Stormo, Tobruk, ottobre 1940, con la scritta "Mi fanno un baff simbolo del 50° Stormo. (6a) Emblema del Fascio.
(7) CR.32 della 1./1. Squadriglia 1./1. Gruppo Caccia ungheresi a Borgond, Veszprém, estate ed emblema della 1./1. Squadriglia.




        



TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Recensisci
Nessun commento
WIP
Copyright ©2017-2020 Modellismo statico auto e moto, tutti i diritti riservati.
Seguici anche su
Copyright ©2017-2020 Modellismo statico auto e moto, tutti i diritti riservati.
Torna ai contenuti